Mbt Hyd Facebook

All’ingresso di Torre Quetta venerdì mattina c’era la coda di auto che pretendevano di entrare nel parcheggio già esaurito. Le bici possono passare e non pagano, ci dice il vigilante con divisa e paletta. Dove sono le rastrelliere? Rastrelliere? . Ma comunque, facciamolo.Per tutta la durata della Guerra Fredda, e a partire dalla formulazione delle dottrina della “Risposta Flessibile”, le armi nucleari tattiche non vennero mai viste come “armi” in senso stretto. Non mi risulta siano mai state formulate dei concetti operativi per il loro impiego, e se non vado errato tutte le esercitazioni NATO a partiti contrapposti, sulla carta o sul terreno, si interrompevano immediatamente se si arrivava a dover richiedere il “nuclear release”. La NATO non pensava minimamente a combattere e vincere un conflitto con l URSS usando armi nucleari tattiche, e di conseguenza non si preoccupò mai di studiare se e come la cosa fosse possibile.

Rheinmetall will supply the Royal Thai Navy with a Naval Warfare Training Simulator (NWTS) under a contract announced on 5 April. The NWTS will be based on Rheinmetall’s Action Speed Tactical Trainer. It will be used to prepare personnel for a variety of combat scenarios, including engaging mines as well as surface, aerial and underwater targets.

Sempre all’Auditorium Arvedi, ma alle 16, la violinista Lena Yokohama e il violino Antonio Stradivari Vesuvio 1727 sono i protagonisti di un’audizione con un programma musicale dedicato alle donne. Per le donne ingresso ridotto a 5 euro. Per l’intera giornata di domenica 8 marzo, infine, il Museo del Violino offre a tutte le donne un biglietto di ingresso speciale al prezzo di 7 euro.

Contemporaneamente erano stati effettuati studi sullo stesso problema in Unione Sovietica, e gia nel 1970 venne messo in servizio il veicolo BMD, aviotrasportatile, subito seguito dal BMP 1 che ha dato origine ad una serie di veicoli (BMP 2 e BMP 3) validi ancora oggi. Nel campo dei veicoli ruotati furono prodotti i BTR 40 (4×4) entrati in servizio nel 1951 ed i BTR 60 (8×8) (questi ultimi con una buona profilatura balistica della blindatura) entrati in servizio all degli anni sessanta quasi in contemporanea con i BMD ed i BMP. Al momento della loro apparizione, tutti questi mezzi risultavano quasi rivoluzionari: erano tutti anfibi, tutti permettevano l delle armi individuali da parte dei fanti trasportati rimanendo protetti dalla blindatura dei mezzi utilizzando apposite feritoie ricavate direttamente nel vano trasporto e nella relativa corazzatura, tutti erano dotati di armamenti molto più potenti dei corrispettivi mezzi occidentali per poterli impegnare lasciando ai cannoni dei propri MBT il compito di ingaggiare solo i carri avversari..

Lascia un commento