Mbt Mens Shoes Amazon

Ragazzi sto iniziando a guardarmi in giro per un prossimo upgrade all frenante della mia Rocco 160cv in quanto penso che prima di dedicarmi alla preparazione del motore siano necessari un assetto ed un impianto frenante non esagerato, ma che permetta di rimanere in sicurezza anche dopo qualche giro in pista. Preferisco prima preparare la carrozza e poi pensare ai cavalli Scarto a priori i vari kit Brembo, AP, Mov D2, Tarox perchè costano davvero troppo l le idee sono ben chiare, mentre per l frenante ho valutato varie proposte senza ancora decidere fermamente a quale puntare. La potenza frenante è già buona con l di serie, ma mancano prontezza e soprattutto resistenza (valutato dopo qualche bel giro di tornanti), ma d questi sono i problemi di tutti gli impianti stock con pinze monopompante e flottanti.

Se un M113 era protetto lateralmente e posteriormente dai colpi delle armi individuali e poteva resistere frontalmente ai colpi di una mitragliatrice da 12,7 mm, poco poteva fare per resistere ai colpi del cannone da 73 mm di un BMD o di un BMP 1 o a quelli della mitragliera da 14,5 mm di un BTR 60. Se non bastava, il BMP 1 era dotato anche di un lanciatore di missili controcarro filoguidati: oltre ad essere un pericolo mortale per ogni VTT occidentale, un BMP poteva teoricamente essere anche un discreto caccia carri oltre a poter ben supportare gli MBT nel sopprimere eventuali postazioni controcarro avversarie gestite dalla fanteria nemica appiedata, postazioni che risultavano estremamente vulnerabili ai colpi ad alto esplosivo sparati dal cannone da 73 mm. Al contrario, non si era certi dell dei colpi da 12,7 mm delle mitragliatrici Browning M2HB che normalmente costituivano l d dei VTT occidentali contro i nuovi mezzi corazzati da fanteria in fase di distribuzione tra le file sovietiche..

Le tendenze per l’immediato futuro indicano da un lato un ripensamento nei confronti dell’eccessiva sofisticazione, specie per semplificare l’istruzione nei paesi dove il personale è prevalentemente di leva. In contrasto con ciò, si vorrebbero mezzi altamente automatizzati, con torrette ridotte al minimo, angoli di tiro maggiori di quelli odierni (tra i 9 e i +15 e grande impiego di servomeccanismi, anche se questa esigenza è destinata a far aumentare i costi di approvvigionamento, manutenzione e ricambi. Si dovrà limitare l’aumento di calibro (a meno di non riuscire a ridurre ingombri e pesi delle munizioni) e si potranno mantenere le attuali prestazioni in fatto di mobilità, ma con attenzione ai terreni di presumibile impiego.

Lascia un commento